La doppia Nove Colli

17 maggio 2014 Cesenatico............ La prima prova ufficiale di 24 ore é andata a buon fine. Gli allenamenti degli ultimi 6 mesi hanno dato i loro risultati. Ma mi rendo anche conto che per percorrere le distanze cosidette ultra sopra i 400km, non basta solo allenarsi un paio di mesi. Ci vuole pazienza e anni di lavori seri per poter percorrere queste distanze a velocita un po avanzate.

Intanto la doppia Nove Colli é mia. Un esperienza unica, che vorrei rifare l´anno prossimo. 

La randonnee di notte era bellissima e intensa. Si partiva alle ore 18 a Cesenatico. 250 partecipanti segnavano un nuovo record. Due percorsi di 205 e 130 km con tanti ristori e 4 punti di controllo anche a sorpresa rendevano la Nove Colli by night una manifestazione ben organizzata. L´ambiente mediteraneo e il paesaggio stupendo non lasciavano spazio per pensare alla distanza che mancava ancora da fare. Le colline meravigliose e il tramonto creavano un atmosfera meravigliosa. Dopo le 9 di sera diventava buio. Sembravano luccioline le luci dei tanti randonnieri che correvano su e giu per le colline.

Il 17 maggio aveva luogo anche la Nove Colle running. Un ultramaratona per podisti. I corridori venivano accompagnati da macchine, scooter, ambulanze e un ampia flotta organizzativa che si distribuiva lungo tutto il percorso. Cosi anche se andavo a ritmo mio, pedalando un po piu veloce di altri randonnieri, non ero mai solo. Ogni mezz ora incontravo o un podista o un ristoro on una macchina dello staff...... Insomma non era spazio per annoiarsi o sentirsi solo lungo il buio della notte.

C´erano anche i momenti silenziosi. Il silenzio di tomba e il buio totale sono momenti speciali. A tratti le temperature scendevano sotto i 7° gradi. Ero preparato avevo i guanti e una giacca. Gia in fase di partenza cerano partecipianti che mi deridevano un po, perché avevo addosso le scarpe invernali. Pero la mia scelta era quella giusta. Nelle discese fredde e nelle valli dove soffiava il vento guanti giacca e scarpe calde probabilmente mi hanno salvato. Ho visto tanti ciclisti che si erano fermati un attimo per colpa del freddo. La Rando notturna per me passava velocemente. Dopo 9 ore ero gia arrivato e sono andato in albergo per fare una doccia e collazione. Due ore dopo si ripartiva gia per la Granfondo. In griglia di partenza sentivo i primi sintomi di stanchezza. Alla partenza non riuscivo a tenere i 52km/h dei pimi della mia griglia che andavano a tutta. Allora ho preso la decisione di mettermi alla destra procedendo con il mio ritmo e approfittando un po delle ruote dei gruppi piu lenti. I 35km/h in gruppo a ruota andavano meglio. I primi 20km era tutto a posto. Il gruppo era fresco e tirava alla grande. Io ne avevo a quel punto 230km e si rivelavano i primi momenti di una crisi, che per lungo tempo non mi passava. Allora mi sono fermato al primo ristoro per fare un po di rifornimento. C´era di tutto e tanto, frutta pane torte.... 

Dopo il rifornimento al primo ristoro la crisi sembrava passata. Allora andavo avanti sempre  a basso ritmo. L´unica cosa che volevo raggiungere era di rimanere sopra la media di 22 km/h. Procedendo il percorso passava velocemente. Un paio di vecchi compagni d´avventura dell´anno scorso, incontrati per caso aiutavano a tenere alto il morale. Ma purtroppo si fermavano all ultimo ristoro. Per non perdere la mia sfida personale di rimanere sopra la media di 22 sono andato avanti da solo. A 400km ad un colpo ho notato che la media era scesa sotto i 22. Ero cosi fissato a questa media che ho preso un vero e proprio chock. Improvvisamento tutta la stanchezza non la sentivo piú. Mancavano ancora 15km di pianura con vento a favore. Allora ho preso la decisione di andare a tutta finche non potevo piu, per poi attaccarmi a qualche ruota.  E cosi sono corso come un matto per 15km a 40-45 km/h sorpassando un paio di gruppi. Ma a 4km prima del traguardo mi sono ritrovato ad un tratto con vento contro. Li era finita, non ne potevo piu. 425km nelle gambe e il battito alle stelle ma la media era salita sui 23. Un sollievo, un piccolo successo....  Mentre un gruppo che mi riprendeva e mi tirava verso il traguardo mi sono ripreso. Migliaia di gente al traguardo che applaudiva e un bel pasta party ben organizzato chiudevano la mia doppia nove colli. 

Il mio primo test di 24ore era un pieno successo. 430km in 22 ore, di cui 3.5 ore di pausa. Il tempo di solo andatura era di 18ore. Vale a dire 9ore a giro. E la maledetta media era di 22,7km/h :-) Devo ancora imparare molto e imparare a gestirmi meglio. Ma in grande linie direi che un passo verso le lunghe distanze ultra é fatto.

 

© 2018 Alle Rechte vorbehalten / Tutti i diritti riservati